EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Studi

Fede controcorrente on ottobre 12th, 2017


CARISMI VARIEGATI


 

Gesù è «il santo, il verace, colui che ha la chiave di Davide, colui che apre e nessuno chiude, colui che chiude e nessuno apre» (Apocalisse 3,7).

Un «carisma» (gr. chárisma) è «l’azione della grazia» (gr. cháris) oppure la grazia in azione nella vita del credente rigenerato, ubbidiente e fedele. Il fine non è il profilare se stessi agli occhi degli altri, ma il servizioefficace nel regno di Dio e per l’edificazione nell’assemblea locale. Un carisma non è qualcosa, che si possiede, ma che si esplica nella pratica per un fine benefico. Tanto è vero che le «azioni della grazia» (gr. chárismata) vengono chiamate pure «azioni dello Spirito» (gr. pneumatiká; 1 Cor 12,1).


Leggi il resto dell'articolo su «Fede controcorrente» informa

Fede controcorrente on ottobre 12th, 2017


CARISMI VARIEGATI


 

Gesù è «il santo, il verace, colui che ha la chiave di Davide, colui che apre e nessuno chiude, colui che chiude e nessuno apre» (Apocalisse 3,7).

Un «carisma» (gr. chárisma) è «l’azione della grazia» (gr. cháris) oppure la grazia in azione nella vita del credente rigenerato, ubbidiente e fedele. Il fine non è il profilare se stessi agli occhi degli altri, ma il servizioefficace nel regno di Dio e per l’edificazione nell’assemblea locale. Un carisma non è qualcosa, che si possiede, ma che si esplica nella pratica per un fine benefico. Tanto è vero che le «azioni della grazia» (gr. chárismata) vengono chiamate pure «azioni dello Spirito» (gr. pneumatiká; 1 Cor 12,1).


Leggi il resto dell'articolo su «Fede controcorrente» informa

Fede controcorrente on ottobre 12th, 2017
SIAMO PADRONI DI NOI STESSI?


.
«O Eterno, io so che non è in potere della persona la sua via, e che non è in potere dell’uomo, che cammina, di dirigere i suoi passi. [24] O Eterno, correggimi, ma con giusta misura; non nella tua ira, per non ridurmi al nulla!» (Geremia 10,23s).

.
Solo chi ha la fede e il timor di Dio, riconosce che l’essere umano non ha l’ultima parola su se stesso, né l’autorità di decidere il proprio destino. Solo il fedele si arrende nelle mani del Dio clemente, per essere da Lui corretto, appellandosi alla sua clemenza, ben conoscendo la propria fragilità.
.
👣 In questo periodo, nelle nostre decisioni, impariamo a dire: «Se Dio vuole» (Gcm 4,15); e ancora: «Padre nostro, che sei nei cieli,… sia fatta la tua volontà» (Mt 6,10).

Leggi il resto dell'articolo su «Fede controcorrente» informa

Fede controcorrente on ottobre 12th, 2017
SIAMO PADRONI DI NOI STESSI?


.
«O Eterno, io so che non è in potere della persona la sua via, e che non è in potere dell’uomo, che cammina, di dirigere i suoi passi. [24] O Eterno, correggimi, ma con giusta misura; non nella tua ira, per non ridurmi al nulla!» (Geremia 10,23s).

.
Solo chi ha la fede e il timor di Dio, riconosce che l’essere umano non ha l’ultima parola su se stesso, né l’autorità di decidere il proprio destino. Solo il fedele si arrende nelle mani del Dio clemente, per essere da Lui corretto, appellandosi alla sua clemenza, ben conoscendo la propria fragilità.
.
👣 In questo periodo, nelle nostre decisioni, impariamo a dire: «Se Dio vuole» (Gcm 4,15); e ancora: «Padre nostro, che sei nei cieli,… sia fatta la tua volontà» (Mt 6,10).

Leggi il resto dell'articolo su «Fede controcorrente» informa

Gaetano Rizzo on ottobre 9th, 2017

Salvo diversa indicazione le citazioni bibliche saranno tratte dalla “Nuova Diodati”.   In passato già numerose volte si è parlato di tale argomento. Molti credono giustamente che è giusto rivolgere preghiere al Figlio di Dio, ma non tutti sono d’accordo. Infatti gruppi religiosi come i testimoni di Geova e anche credenti di altre confessioni religiose … Continua a leggere

Leggi il resto dell'articolo su La Riforma a Napoli

Fede controcorrente on ottobre 3rd, 2017
HA DIO CREATO IL MALE?
Falso sillogismo e tendenze gnostiche
.
1.  LE TESI: Tempo fa, sono stato invitato da Maurizio Ruffino a discutere il seguente suo articolo. Eccolo qui di seguito.
            Qualche giorno fa ho fatto una considerazione che mi sembra essere al limite tra fede, filosofia e psicologia. È una considerazione, che però non so quanto sia obiettiva e sulla quale vorrei sentire, quindi, qualche parere.
            Dio, dando per scontata la sua esistenza, così come è delineata dalla fede cristiana, ha creato anche il male?
            Se è vero che il male è assenza di bene e che Dio è l’unico Essere (anzi, secondo Agostino e Tommaso, l’Essere in Sé) pensabile come eterno e perfetto, già nell’atto di creare, avrebbe dovuto sapere, e, certamente, sapeva che, creando qualcosa di diverso da Sé (perché il solo fatto di essere stato creato presuppone un inizio e, quindi, un limite), avrebbe creato qualcosa di imperfettoe, quindi, avrebbe creato il male.
            Dio, perciò, creando, ha creato, seppur in modo indiretto, anche il male, ed Egli doveva saperlo, senz’altro, anche prima di creare. Se ciò è vero, allora perché Dio ha creato degli esseri esposti, necessariamente, alla sofferenza e al male, derivati dalla loro stessa imperfezione?
            Perché li ha creati, nonostante il male insito in loro stessi?
            Perché ha creato noi e l’universo?
            La risposta che mi sono dato è che, essendo Dio, Egli ha previsto e ha accettato la necessaria quantità di male, perché, vedendo le cose da una prospettiva ultra sistemica (e qui entra la psicologia), ha considerato che la qualità del bene fosse, comunque, superiore alla quantità di male presente e che, comunque, perciò, per Lui, NE VALESSE LA PENA!!!
            La stessa considerazione applicata alla nostra vita può tradursi nel fatto che «pesando», in qualche modo, momenti belli e brutti, per quanto i momenti brutti possano turbarci o durare a lungo, ci sono e ci sono stati, comunque, dei momenti di bene, la cui qualità rende la vita degna d’essere vissuta.
            Cosa ne pensate? {17-09-2017; formattazione redazionale}
.
2.  OSSERVAZIONI E OBIEZIONI: La logica è questa: siccome il male esiste nel mondo, deve averlo creato Dio. Questo si chiama falso sillogismo. Poi, si cerca di trovare una qualche spiegazione consolatoria, secondo il motto: «Il gioco vale la candela». Oppure, per dirla con un detto tedesco: «La vita è come un formaggio svizzero: puzza, però piace». E non ci si accorge che, così facendo, si storce la realtà della cose e si presenta una falsa immagine di Dio, ben distante da quella data dalla rivelazione biblica.
[…]
     E non ci si rende conto che tale concezione di Dio, che crea il male, si trova nello gnosticismo (conoscenza esoterica), secondo cui Dio avrebbe creato in origine sia le forze del bene, sia quelle del male, essendo esse assolutamente necessarie, affinché l’uomo si potesse emancipare. Nella dottrina occulta, derivata dallo spiritismo, il cosiddetto «Lucifero» è presentato come l’altra parte della medaglia di Cristo, anzi il suo alter ego. Nella conoscenza occulta tutto viene ribaltato nella narrazione delle origini: Il dio buono (Satana) avrebbe creato spiriti liberi; il Dio della Bibbia, considerato solo un demiurgo, essendo geloso, li avrebbe imprigionati nella materia (considerata prigione e malvagia). [Gli spiriti umani sono preesistenti?: Dal verbo secondo Corrado Salmé; Eravamo spiriti preesistenti prima della procreazione?] Il dio buono (Satana), per portare l’uomo all’emancipazione (ossia ricordarsi di essere stati precedentemente spiriti liberi in cielo, quindi dèi), si sarebbe manifestato come «Lucifero» (= portatore di luce) nelle sembianze del serpente, per portare all’uomo conoscenza (cfr. serpente come immagine di guarigione e conoscenza) e liberazione. Questa è la dottrina gnostica ed esoterica, che anima ogni dottrina occulta e che proviene dalla filosofia spiritistica. Queste sono le «profondità di Satana» (Ap 2,24), propagate dai Giudei ellenistici, che avevano mischiato l’AT con i filosofi greci e le dottrine delle «religioni dei misteri». Per questo il Signore chiamò tale corrente esoterica del giudaismo una «sinagoga di Satana» (Ap 2,9). Dal giudaismo esoterico tale falsa dottrina pagana entrò poi nelle menti di gnostici cristianizzati. [→ Continua sul sito]
.
3. ULTERIORI APPROFONDIMENTI BIBLICI: Ecco alcuni altri punti fermi, rivelati dalla sacra Scrittura.
     ■ «E Dio vide tutto quello, che aveva fatto, ed ecco, era molto buono» (Gn 1,31). Come si può dichiarare così la creazione, se già era stato creato il male assoluto?
     ■ «Questo soltanto ho trovato: che Dio ha fatto l’uomo retto, ma gli uomini hanno cercato molti sotterfugi» (Ec 7,29).
     ■ «L’Eterno è giusto in mezzo a lei; egli non commette iniquità; ogni mattina egli mette in luce i suoi giudizi, e non manca mai; ma il perverso non conosce vergogna» (Sf 3,5).
     ■ «...per mezzo di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo, e per mezzo del peccato la morte, e così la morte è passata su tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato» (Rm 5,12).
     ■ «Nessuno, quando è tentato, dica: “Sono tentato da Dio”; perché Dio non può essere tentato dal male, ed egli stesso non tenta nessuno» (Gcm 1,3). In tale contesto mostrò l’origine della tentazione (vv. 14s concupiscenza interna all’uomo). E aggiunse: «Ogni donazione buona e ogni dono perfetto vengono dall’alto, discendendo dal Padre degli astri luminosi presso il quale non c’è variazione né ombra prodotta da rivolgimento» (v. 17).
     Gesù chiamò Dio «Padre santo» e «Padre giusto» (Gv 17,11.25). Ciò è inconciliabile con un creatore del male assoluto.
     ■ Paolo affermò che Dio «ci ha eletti in lui [= Cristo], prima della fondazione del mondo, affinché fossimo santi e irreprensibili dinanzi a lui nell’amore» (Ef 1,4). Come potrebbe avere tale obiettivo con noi, se Egli avesse in sé il male e avesse creato il male?
     ■ Di Gesù Messia Pietro affermò che Dio ci ha riscattati «col prezioso sangue di Cristo, come di agnello senza difetto né macchia, ben preordinato prima della fondazione del mondo, ma manifestato negli ultimi tempi per voi» (1 Pt 1,19s). «E voi sapete che egli [= Cristo] è stato manifestato per togliere i peccati; e in lui non c’è peccato» (1 Gv 3,5). Questo è inconciliabile con una dottrina gnostica.
.
4. ASPETTI CONCLUSIVI: [→ Sul sito]
.
[→ CONTINUA LA LETTURA: http://puntoacroce.altervista.org/_Dot/A1-Dio_male_Ori.htm] Solo dopo aver letto l’intero scritto, voi che rispondereste nel merito alle questioniin esso contenute? {Nicola Martella}
     ATTENZIONE: Quanto scritto sulle bacheche o nei gruppi gestiti da Nicola Martella o inviato per e-mail, può diventare oggetto di un nuovo tema di discussione o un contributo sul sito «Fede controcorrente» e su altri associati a esso. ► Per ricevere e-mail di notifica sulle novità, ISCRIVITI ALLA MAILING LIST: https://groups.google.com/forum/#!forum/fede-controcorrente/join
.
*** Discuti questo tema qui o sulla mia pagina di “Facebook“: https://www.facebook.com/notes/puntoacroce/ha-dio-creato-il-male/10155819005022990/

Leggi il resto dell'articolo su «Fede controcorrente» informa